12 dicembre 2007

Scaffali vuoti nei supermercati e code interminabili





MILANO - Sciopero dei Tir, terzo giorno di disagi: dai mercati all’ingrosso stop alla distribuzione di generi di prima necessità, come latte, carne, frutta e verdura, che peraltro stanno scomparendo dagli scaffali di negozi e supermercati. Il Paese è in ginocchio.

37 commenti:

Comicomix ha detto...

La distanza davvero infinita tra i "drammi" del nostro mondo e le "quisquilie" dei paesi poveri.
Senza parole.

Anonimo ha detto...

nn ha senso associare queste immagini con dei fatti che accadono nel nostro paese, perchè sono 2 cose totalmente diverse....nn so come possa essere stata concepita una tale idiozia..

ste ha detto...

è difficile trovare qualcuno che scriva le verità in modo così schietto e sopra ogni speculazione... chi ha detto prima di me che questo articolo è un "idiozia" lo ha detto davanti al pc con un bicchiere pieno e uno spuntino volante.... ma la cosa più triste è che si considera un essere superiore dato che sono due situazioni diverse....

DSoM ha detto...

@Anonimo:

Mai sentito parlare di una "provocazione"?

Anonimo ha detto...

certo...non simo poi cosi affamati e neanche cosi disperati!oppure non sono ancora arrivate le solite stronzate che compriamo per le feste ogni santo anno...

marcop ha detto...

bravo! manca solo qualche quotidiano che titoli "oggi a milano diversi dipendendti di una multinazionale hanno bevuto il cappuccio freddo a causa dello sciopero ingiustificato degli autotrasportatori" con il tuo post hai riportato un poca di oggettività .

ciao marco

Lisa72 ha detto...

Forse questo sciopero vicino a Natale ci potrebbe far riflettere sul senso delle cose: disagi ci sono e anche io domani spero di trovare il latte per i miei mostriciattoli ma, anche se non lo trovassi, per un po' di giorni potrebbero anche bere acqua e cioccolata, o una fetta di torta fatta in casa e un succo... I nostri problemi sono comunque limitati nel tempo perchè comunque la prossima settimana tutto dovrebbe essere "a posto" mentre le tue foto rappresentano una realtà quotidiana. Come ha detto giustamente anonimo nn ha senso associare queste immagini con dei fatti che accadono nel nostro paese, perchè sono 2 cose totalmente diverse....nn so come possa essere stata concepita una tale idiozia..: quello che accade nel nostro paese è solo una goccia amara nel mare del nostro dolce benessere!!!!!!
Un saluto, Lisa

Peppo ha detto...

Bene io penso che abbiano il diritto di protestare, di farsi sentire e soprattutto di cercare di cambiare qualcosa.... E' possibile che gli autotrasportatori esistono solo quando succedono grossi incidenti e ne sono coinvolti? Bisognerebbe cercare di ascoltare i grossi disagi con i quali sono costretti a combattere tutti i giorni. Abbiamo autostrade penose, code interminabili e costi esorbitanti per servizi scadenti.

Anonimo ha detto...

Secondo me una provocazione di questo tipo è sbagliata e tipica di un atteggiamento politico preciso: in una eventuale discussione che può conseguirne, può addirittura far cadere in secondo piano l'oggetto stesso della provocazione (confronto fra problemi del III mondo e i nostri)...peraltro mi pare che ciò si stia verificando anche in questa occasione, ma è solo la mia opinione, scusate.

sciùsciù44 ha detto...

Hanno ragione a fermarsi. A tutti noi non piace vedere i camion sulle strade, ma poi ci incazziamo se non troviamo il latte fresco, l'insalata fresca, la carne fresca, l'acqua minerale e così via. Erano più di quaranta giorni che si sapeva, ma questa specie di governo che abbiamo se ne è fregato altamente di cercare un via d'uscita

Metilparaben ha detto...

Scopro oggi questo blog e mi piace.
Blogrollato.
Saluti.
Alessandro.

Anonimo ha detto...

non c'è niente da commentare, semplicemente perchè si sfocerebbe nella ipocrisia più totale per chiunque provasse ad esprimere un qualunque commento

Anonimo ha detto...

eh già voi occidentali delle nuove generazioni, non avete mai saputo cosa vuol dire non trovare cibo! pur avendo i soldi per comperarlo...ma queste sono storie dei vecchi tempi "comunisti" dell'est europa
Questo è niente! imparate a vivere ogni giorno pensando che un domani tutto il vs benessere potrebbe finire|!xchè prima o dopo, accadrà, vi (mi) auguro di non essere ancora vivi in quel giorno...

Anonimo ha detto...

Questo post si merita la lode
Tisbe

Anonimo ha detto...

questo post non merita nulla.....già apostrofare qualcuno come "voi occidentali" la dice lunga se scrivi su questo forum e in un corretto italiano forse sei diventato occidentale anche te....e forse visto che non ti piace il nostro modo di vivere potresti tornartena da dove vieni a viverecome più ti piace senza sputare sentenze non richieste...

Anonimo ha detto...

se siamo tutti davanti un pc vuol dire che non è poi troppo grave.....quei poveracci delle foto non hanno ne da mangiare ne da bere....figurati il pc.....fatela finita....fanno bene a fare sciopero e si dovrebbe fare tutti visto che il gasolio lo mettiamo tutti e l'autostrade le percorriamo e le paghiamo...

W i comboniani ha detto...

La "provocazione" delle tre foto mi sembra abbia centrato l'obiettivo: far riflettere sull'abissale disparità delle condizioni tra gli abitanti del Pianeta.
E' una disparità talmente ingiusta che spesso ci fa chiudere gli occhi, con un senso di impotenza. Migliorare le condizioni dei paesi poveri (e sfruttati)è l'unico modo per salvaguardare le nostre condizioni di vita. In parte anche questo sciopero lo dimostra:non stanno lamentando, i camionisti, la concorrenza selvaggia degli extracomunitari che lavorano volentieri per cifre molto più basse?

Anonimo ha detto...

Anonimo...,
pensa che sia giusto questo sciopero xchè il Governo con la sua "Finanziaria" ci vuole distruggere, aumentando di tutto di più, e non è giusto nei confronti soprattutto di famiglie in cui lavorano entrambi, (marito e moglie)cercando di arrivare a "campare" fino alla fine del mese.Sono costretti a pagare quello che la Finanziaria ha previsto allo Stato.Penso che chi ci governa dovrebbe darsi una regolata nell'aumentare le spese quotidiane, xchè così facendo nessuno ci si sposa più e nessuno farà più figli, l'Italia diventerà un popolo di vecchi.
Spero che trovano un accordo al più presto xchè non si puo stare così, oggi ho saputo che da domani non cammineranno o faranno solo poche corse i pullman locali.Sono disagi per chi ha da lavorare o chi deve scendere per fare le proprie cose...!!! Cmq è una vergogna per l'Italia quello che è successo anche nei confronti dei Paesi esteri!!!

Anonimo ha detto...

Per i ns. politici è molto più importante la legge elettorale, e l'Italia va a schifio!!

chicco52 ha detto...

Immagini di grande impatto. Ma non vogliamo fermarci un momento a riflettere sui nostri mezzi di informazione? Era appena partita la serrata dei padroncini (di serrata si tratta, non di sciopero. E' ben diverso!) che i telegiornali hanno cominciato a battere le loro grancasse. "i benzinai RISCHIANO di restare senza benzina, i negozi senza rifornimenti". Quel "rischiano" in poche ore si è trasformato in un'ondata di panico, che i giornalisti sapevano benissimo di creare. Le code ai benzinai sono reali. L'effetto cassa di risonanza ha fatto sì che perfino chi usava la macchina una volta a settimana, corresse a riempire il serbatoio. E poi si precipitasse nei supermercati a fare incetta di ogni cibo ritenuto indispensabile. Queste sono precise responsabilità dei mezzi di informazione che pur di strappare qualche punto di ascolto è pronto a gettare il Paese nella confusione. Dal canto mio, mi sono limitato ai soliti acquisti per il giorno dopo.Gli scaffali del supermercato erano ancora sufficientemente riforniti. Ho un po' di benzina nel serbatoio, ma per non rischiare di consumarla inutilmente, ho preso la bicicletta e mi sono goduto la giornata di sole pedalando nelle piste ciclabili.
http://www.jillforever.spaces.live.com

Anonimo ha detto...

I camionisti con questo sciopero stanno cercando di cambiare qual cosa soprattutto nella Finanziaria introdotta x il 2007, e quella che ci sarà x il 2008!!!!
Spero che ci sarà veramente un cambiamento perchè così non si vive tranquilli, ci si sta sempre con la preoccupazione di non riuscire ad arrivare a fine mese cosiderando 2 stipendi...!!!
Devono darsi una regolata i nosti Parlamentari, non possono aumentare tutto, non è giusto...!
Mi auguro che ci sarà un miglioramento della situazione odierna e che verranno moderati i prezzi di tanti servizi primari!!!

Simone ha detto...

Grande post, ciao!

Simone

rikka ha detto...

Quanta retorica!!!!!
Perchè, invece di stare seduti davanti al vostro computer non andate a dare una mano a quei bambini in fila????
Viviamo in due mondi diversi, purtroppo è questa la triste realtà, ma anche chi parla di consumismo, di benessere etc.... si deve sempre ricordare che di tutto questo benessere ne gode anche in prima persona, e gli piace assai!!!!!

anecòico ha detto...

:(

anecòico

Ladya78 ha detto...

Mi domando che centrano con la situazione nel nostro paese le foto che hanno inserito, sono due realta' e situazioni totalmente differenti,si vede proprio che certa gente lavora con i piedi e non con la testa,siete pietosi.

rikka ha detto...

Grande Ladya78

fran autotrasporti ha detto...

lasciate a casa la famiglia.montate sul camion e andate a lavorare.non occorre tanto.pagate solo il gasolio.tornate a casa,magari dopo una settimana che non rientrate...e ora mettetevi una mano in tasca.quanti soldi avete guadagnato? ...'oggi si cena con un litro di latte in 5 persone'. e domani...e' un altro giorno...

Anonimo ha detto...

è vero tutto quello che dite....ma lo sciopero non è il modo giusto x ottenere qualcosa, creare disagi a coloro che non hanno nulla a che fare con ciò non è molto saggio mi dispiace.........si deve cercare il dialogo e poi agire con altri mezzi, ma in Italia si cerca sempre di fare "o tutto o niente"........ciò non và x niente bene

gigia ha detto...

può darsi che Ladya78 sia grande...ma si scrive "c'entrano" NON "centrano"

DanieleMD ha detto...

bellissimo il titolo ingannevole!
Vedere le immagini ma ha immediatamente aperto gli occhi.. grazie!

PS sono stato il primo a commentare sul tuo blog ma non ci siamo ancora scambiati i link! Provvedo subito!
PS domani avrò bisogno anche del tuo aiuto...

Anonimo ha detto...

non e possibile che se pur con ragioni condivisibili si possa far pagare colpe a chi non ha responsabilita. E forse tanti problemi sono all'interno della categoria degli autotrasportatori

siz ha detto...

Si tratta di poco in fondo, in "questo paese", come abitualmente ormai ci ostiniamo a chiamare l'Italia, tutte le categorie hanno ragioni da vendere e dico tutte, ma noi siamo un piccolo paese, infilato in un mondo molto più grande e grosso. Questo vorrebbe dire ad esempio, che ci sarebbe bisogno di unità ed identità di vedute, ma poichè siamo anche il paese dei campanili e dei condominii, non sappiamo sederci a discutere e programmare seriamente ciò che andrebbe fatto. I nostri politici per primi, ma che colpa ne hanno "poverini" se sono essi la naturale conseguenza ed espressione del nostro voto? Sono nostri figli, ce li abbiamo mandati noi, e "poveri morti di fame" anche loro soffrono per questa situazione così strana. Avete presente i medici al capezzale del malato ormai moribondo. Bene mentre loro si accapigliano cianciando di improbabilii destre e sinistre il paziente (troppo) muore.

terrone ha detto...

Sono molto significative quelle foto perchè è proprio vero che siamo un paese alla frutta un paese senza valori o che, almeno li ha chiusi in un cassetto perchè non ha il coraggio di confrontarcisi. Prescindo completamente da ciò che ha causato l'emergenza, il problema è proprio se questa possa definirsi emergenza.Piangiamo al solo pensiero che possa accadere che per un gorno manchi la benzina alle ns. AUTOMOBILINE, figurarsi se potremmo mai pensare, viceversa di lasciarle nei garage per protestare contro il caro carburanti. I supermercati vengono assaltati come se per qualche giorno o anche più non ci si potesse accontentare di pane olio o di quello che c'è in casa. Pochi es ai margini mettono l'accento sulle necessità veramente essenziali come approvigionamenti agli ospedali etc. ( ma forse quelli mancherebbero lo stesso, nella normalità).Scusatemi ma + passano gli anni + ho difficoltà a sentirmi italiano e vorrei sentirmi, magari, francese, un popolo che molti di noi detestano semplicemente perchè invidiano.

marsyen2 ha detto...

Gli scioperi sono necessari x ottenere il dovuto quando nn si mantengono le promesse. I blocchi sono tutta un'altra cosa xkè nn portano a nulla,e infatti questa notte si sono arresi xkè sono consapevoli che da qst episodio dovranno subire delle sanzioni gravi.Mi auguro solo che il tutto nn si ripeterà nel futuro e se nn avranno avuto i loro diritti i loro mezzi possono tenerli fermi nelle loro aziende e impedendo a gli stranieri in forma legale di entrare nel nostro paese legale...Per quanto riguarda la foto non la trovo propio sbagliata,anzi direi che dovrebbe farci riflettere dato che ci mette davanti a un problema serio (LA VERA FAME NEL MONDO)Mi è piaciuta una parte del commento di Elisa72 che fà capire come ci si può adattare a nutrirsi nei momenti di difficoltà.Non siamo il terzo mondo. Dove c'è la fame nn ci sono supermercati Buona giorata Marsyen

Anonimo ha detto...

Esatto.
Su questa faccenda si è perso il senso della misura (anche i camionisti lo hanno perso, la loro sacrosanta rivendicazione di diritti ha finito per ledere quelli di altri lavoratori) ma soprattutto della decenza: titoli su titoli, telegiornali allarmisti, giornalisti ansiogeni che prospettavano agli italiani un Natale all'insegna della "fame" ... ma quando mai, nell'occidente ricco e ipernutrito?!?!
Abbiamo perso un'ottima occasione per fare un sano esercizio di sobrietà, mi sa.

Pierinux ha detto...

veramente bel post, specialmente perche' riporta le cose nella giusta prospettiva. dissento totalmente dall'anonimo del commento n.2 che resta anonimo perche' evidentemente si vergogna di quello che ha detto.

per renderci conto di come stanno realmente le cose dovremmo sempre mettere a confronto realta' diverse.

suburbia ha detto...

Anni anni fa ricordo che per non ricordo quale ragione (scus ail bisticcio) si diceva che sarebbero mancati i datteri dalle case italiane. E allora tutti a fare incetta di datteri come se non si potesse stare qualche mese senza...
Popolo strano, accaparra tutto e poi si indebita con le banche...
I toni allarmistici..paese in ginocchio..
Io trovo molto bello questo post
ciao